Alberto Chimal – Nove

Titolo: Nove

Autore: Alberto Chimal

Editore: Edizioni Arcoiris

Anno: 2017

Pagine: 182

Prezzo: € 12,00

“Negli anni successivi avevo visto come le storie del periodo del terremoto si aggiungevano alle altre: alle antiche leggende della città, piene di diavoli e fantasmi, che avevo fatto in tempo a sentire da molti anziani. Si cominciò a parlare di più, in effetti, di chi era morto sul colpo o era rimasto disperso nel caos, delle vittime di amnesia o delle persone diventate matte; i suoni emessi da chi era rimasto sepolto sotto le macerie, vivo ma irraggiungibile; l’odore dei cadaveri mai recuperati sotto i calcinacci in una scuola per infermieri, la parete che  aveva schiacciato due compagne di Celia nel Colegio de las Vizcaínas. Nulla di così distante dal fascino dei morti di oggi, dalle sparatorie, dalle notizie dei luoghi in cui il governo ormai non arriva più. Da allora abbiamo imparato a non credere ai fantasmi, o forse ad avere ancora più paura della vita reale.”

Il  messicano Alberto Chimal, con i suoi racconti visionari e allucinati, è stato il secondo autore scelto da Edizioni Arcoiris per il loro progetto di crowdfunding, volto a coinvolgere noi lettori nella traduzione e pubblicazione di scrittori sudamericani ancora inediti nel nostro Paese. Quando lo scorso anno lessi della “letteratura dell’immaginazione” creata da Chimal, in cui convivono echi di mostri sacri del calibro di Poe, Calvino, Vonnegut, Borges e Dick, non ho esitato un attimo a contribuire alla raccolta fondi, certo di aver finanziato anche questa volta delle pagine di letteratura con la “L” maiuscola.
Ciò che maggiormente stupisce delle storie di Chimal è l’intensa e variegata commistione di generi. Sfogliando infatti le pagine di questa raccolta un alone surreale e quasi stregato sembra avvolgerci, turbandoci con le trame nervose del racconto psicologico, assediandoci con le inquietudini del racconto del terrore, stupendoci con il grottesco e il weird e catapultandoci negli strani mondi dipinti dalla letteratura fantascientifica.

A conferma di ciò, aprendo il volume ci imbattiamo subito in un racconto estremamente affascinante quanto difficile da catalogare. “È stata smarrita una bambina” è quasi un canto liberatorio inneggiante all’innocenza dell’infanzia e all’incredibile potere della fantasia e della letteratura. Come può infatti una bambina messicana intrattenere una fitta e strabiliante corrispondenza con una casa editrice che risiede in Urss, molti anni dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica? Un quesito che accompagnerà il lettore durante la scoperta di questa stravagante e irresistibile storia. Si cambia completamente registro con “Album”, che ci narra, attraverso una serie di sinistre fotografie, lo svolgersi inevitabile di una tragedia. “Manuel e Lorenzo” è invece uno sguardo sadico e impietoso sul terribile gioco che accomuna due amici. Con “Corridoi” ci inoltriamo in un nonsense squisito e intrigante. Protagonista è Leonardo Di Caprio che, sfuggito all’affondamento del Titanic, si ritrova in un labirinto che sembra uscito direttamente da “Inception”. E se ciò non bastasse a stimolare la vostra immaginazione, Chimal ha pensato bene di inserire anche Batman e Danny Torrance di Shining. Un racconto che definire bizzarro e geniale è riduttivo. “La donna che cammina all’indietro” si avvicina alle atmosfere delle classiche ghost stories, con un’apparizione che cambierà per sempre le vite dei protagonisti. Veniamo poi scaraventati, senza cintura di sicurezza, negli affreschi futuristici di “Venti robot”, venti racconti all’interno del racconto, che hanno come unico comune denominatore gli esseri composti da microchip e bulloni che da sempre hanno attratto la mente umana. “La vita eterna” parte in sordina come un racconto dai toni fiabeschi, per poi sfociare nel satirico e nel tragicomico. Basti accennare che il vero protagonista è un mostro marino che inghiotte esseri umani per collezionarli all’interno del proprio ventre. Il penultimo racconto, “Mogo”, è un agghiacciante incubo che infesterà la placida esistenza di un bambino. Beto scopre infatti con entusiasmo e un pizzico di turbamento di essere in grado di scomparire ogni volta che chiude gli occhi. Questo sorprendente potere lo metterà però di fronte ad un temibile orrore senza volto. La raccolta si conclude con “Shanté”, una storia che non avrebbe sfigurato come sceneggiatura di un episodio della serie tv cult “Black Mirror”. Una terribile visione distopica del mondo che mi ha trasmesso, durante la lettura, un’angoscia sottile e penetrante. Qual è la vera natura dello strano aggeggio che si è tramutato in dipendenza ed ossessione per una giovane donna di nome di Elena? Chimal ci conduce per mano attraverso questo inquietante racconto, mostrandoci spiragli di una verità che si rivela ben più allarmante di quanto possiamo immaginare.

Una fantasia sconfinata e un gusto raffinato che pesca a piene mani nel meglio della letteratura fantastica del secolo scorso facendola propria, pur mantenendo una personalità originale e distintiva, sono i tratti salienti che caratterizzano la narrativa di Chimal. Nove porte spalancate sull’assurdo e sull’irrazionale, in cui chiudere gli occhi e gettarsi a capofitto in un folle volo pindarico, non sapendo mai cosa ci sia ad attenderci dall’altra parte, ma con la certezza che qualunque cosa sia, saprà stupirci ed emozionarci.

Voto: 4/5

Mr. P.

Annunci

Bonnie Nadzam – Lions

Titolo: Lions

Autore: Bonnie Nadzam

Editore: Edizioni Black Coffee

Anno: 2017

Pagine: 271

Prezzo: € 15,00

“Dunque la vita era dolce da un lato e amara dall’altro. L’avrebbe abbracciata nella sua totalità, senza condizioni né riserve, e senza desiderare che fosse diversa. Non perché fosse un uomo virtuoso o buono, ma perché era stanco, a mani vuote e non aveva la forza di fare altrimenti. Il mondo pulsava intorno a lui e in esso non c’erano poi troppe cose che, a suo parere, valesse la pena di inseguire.”

Lions, cittadina situata sugli altopiani del Colorado, ammantata di mistero e carica di malinconici riverberi, si è guadagnata di diritto un posto d’onore nel novero delle città immaginarie che maggiormente hanno stimolato il mio intelletto di lettore e cinefilo, al pari della Derry di “It”, capolavoro di Stephen King o di Twin Peaks, protagonista dell’omonima serie cult diretta da David Lynch. Perché Lions è un catalizzatore di antiche leggende popolari, che donano brividi sinistri quando vengono bisbigliate la notte davanti ad un camino acceso. È il fascino e nello stesso tempo il tedio della piccola provincia americana, quella sincera e autentica, in cui si è eternamente indecisi tra la fuga verso una vita più piena e degna e l’abbandono definitivo ad un’abitudine ormai consolidata. Ma Lions è anche un luogo della mente, rassicurante e oscuro nello stesso tempo, in cui nulla esteriormente muta, ma se si scava a fondo ci si accorge che tutto  in realtà è cambiato.

Basta un unico, tetro episodio, per sconvolgere Lions e le placide consuetudini che le ruotano attorno. L’inspiegabile visita di un uomo dal fascino arcano e conturbante, scrutato con diffidenza dagli abitanti del paese, quasi fosse un messaggero di cattive notizie. L’unico che lo accoglie all’interno della propria abitazione è il generoso e altruista John Walker, da tutti conosciuto per il suo buon cuore e per la sua eccentricità. Quando però, dopo la scomparsa dello straniero, Walker viene a mancare, la vita dei cittadini di Lions non sarà più la stessa. In particolare per Gordon, il figlio di John, e Leigh, due adolescenti indissolubilmente legati da un vincolo affettivo e spirituale, che verrà scalfito e intaccato dalle violente intemperie emozionali che caratterizzeranno il loro singolare rapporto, riuscendo però a non implodere in migliaia di piccoli pezzi. Gordon dopo la morte improvvisa del padre, si troverà di fronte ad un terribile bivio, in cui ogni scelta sembra essere quella giusta e quella sbagliata insieme. Restare a Lions, al fianco della madre, prendendo in mano le redini dell’officina di famiglia, oppure fuggire via insieme a Leigh verso una nuova vita, spalancando le braccia e il cuore all’amore, alle proprie aspirazioni e ad un’esistenza finalmente meritevole di essere vissuta a pieno? A confondere ulteriormente Gordon, i bizzarri viaggi verso il nord che John Walker intraprendeva periodicamente, il cui insondabile segreto viene tramandato al figlio in punto di morte. Un fardello che pesa sulle spalle del ragazzo come un macigno, che dovrà sollevare unicamente con le proprie forze. Intorno alle vite di Gordon e Leigh, ruotano una miriade di personaggi, esempi cristallini delle mille sfaccettature dell’animo umano. Georgianna, la dolce madre di Gordon, che diventerà quasi estranea a se stessa; May, fiera proprietaria del diner “Lucy Graves” e risoluta madre di Leigh; Boyd, barista sbruffone che sotto sotto però nasconde una grande bontà d’animo; Dock che, insieme al figlio Emery, tenta con volontà e nobiltà di apprendere il mestiere di John Walker. Un ventaglio di personalità autentiche, che sapranno conquistare il lettore, senza più abbandonarlo.

Lions” è un romanzo che racchiude in sé un mondo intero, un universo nostalgico e delicato, che può tramutarsi in inquietante e minaccioso. È un toccante romanzo di formazione, ma anche  un’intensa storia d’amore e un sinistro racconto di fantasmi. Una vigorosa riflessione sul passaggio cruciale dall’adolescenza all’età adulta, sulla morte di una persona amata come momento inevitabile nell’esistenza di ognuno di noi, sulla volontà di stravolgere la propria vita per inseguire i propri sogni, lacerando così gli affetti a cui siamo legati. Una storia che sa toccare le corde più profonde dei nostri cuori, avvolgendoci in una tenera malinconia da cui non vorremmo più risvegliarci.

Voto: 4,5/5

Mr. P.

Orazio Labbate – Stelle ossee

Titolo: Stelle ossee

Autore: Orazio Labbate

Editore: LiberAria Editrice

Anno: 2017

Pagine: 104

Prezzo: € 10,00

“Sto per aprire la porta del bagno e nel frattempo penso: “Chissà cosa ne farebbe di me la malinconia se lei non ci fosse. Se il Diavolo andasse via.” Entro e do un bacio alla mia ragazza e la luce è accesa. “La malinconia mi incatenerebbe per sempre nel  buio della mia camera.””

Entrare nel mondo scaturito dalla fantasia di Orazio Labbate equivale a varcare la soglia che separa la rassicurante realtà del nostro vivere quotidiano da un universo crepuscolare e dal retrogusto gotico, in cui le certezze dell’uomo vengono spazzate via, la lucentezza della vita si incrocia inestricabilmente con l’oscurità della morte e la solitudine e l’inquietudine esistenziale aleggiano nell’aria come predatori famelici. Le 17 novelle nere che compongono “Stelle ossee” rappresentano uno sguardo attento e implacabile che viviseziona la coscienza dell’uomo comune, intrecciando la consuetudine di vite ordinarie con l’arcano e l’imperscrutabile.

I racconti di Labbate trovano il loro compimento tra gli Stati Uniti e l’Italia, in particolare la Sicilia e la sua Butera, dando così un respiro internazionale alle storie narrate, che rimangono però sempre ben ancorate alle tradizioni e alle leggende del Sud Italia. La sua scrittura ricercata e immaginifica sa creare atmosfere suggestive, circondando il lettore in un abbraccio dalle tinte fosche e lasciandolo disorientato. Un’eleganza e un’accuratezza che a tratti mi hanno ricordato un grande maestro del racconto nero americano come Thomas Ligotti. Le tematiche affrontate da Labbate partono dal filo rosso che contraddistingue gran parte della narrativa di genere e non, ossia la morte, non solo per quanto riguarda l’aspetto fisico ma anche in senso simbolico, per poi spaziare a ciò che contraddistingue da sempre l’inconscio di ogni essere umano. Così ritroviamo disseminati nelle storie dell’autore siciliano la ricerca speranzosa di Dio, la semplicità degli affetti familiari, il dolore straziante e insopportabile di un amore giunto ormai al capolinea, l’infanzia e la vecchiaia, che si tramutano in due fasi distinte ma complementari nella vita di un uomo. Sfogliando le pagine ci imbattiamo in uno scenario post apocalittico in cui un uomo è incapace di lasciare andare la donna amata ormai perduta (“Un innamorato nell’Apocalisse“), due orfani che bruciano anime per poter incontrare nuovamente i propri genitori (“Case incendiate“) o il tenero e struggente rapporto di un nonno con il proprio nipote (“L’asino di notte“). Ma più leggiamo e più ne vorremmo ancora, così continuando sul sentiero senza luce tracciato da Labbate, ci troviamo di fronte a un uomo che si nutre di ombre (“L’ombra della neve“), al ritorno alla paure e ai timori dell’infanzia (“Luce accesa“) e a un’intensa e toccante riflessione sull’amore (“Il divano“). La raccolta si chiude poi con una storia di immigrazione rappresentata dal viaggio di un siciliano verso l’America, la scoperta di New York, l’inizio di una nuova vita, un addio al proprio passato e un giuramento a se stesso da mantenere (“La Madonna verde“). Una storia che rappresenta alla perfezione la sintesi tra l’ambientazione americana ed il folclore del Sud Italia, dicotomia che caratterizza la narrativa di Labbate, ma che sa fondersi in un’amalgama unica e originale.

Stelle ossee” è una raccolta per chi non ha paura di osare addentrarsi in un linguaggio ricco e fascinoso, intraprendendo un viaggio onirico che si snoda in 17 tappe poetiche e tenebrose. Con un linguaggio mai scontato, che fa della raffinatezza un tratto distintivo, Labbate inventa un nuovo gotico italiano, che rivolge uno sguardo ai grandi narratori d’oltreoceano, riuscendo però a mantenere una sua personalità distintiva. “Stelle ossee” è la conferma che la short story è una forma narrativa che in Italia può regalare grandi soddisfazioni e intense emozioni.

Voto: 4/5

Mr. P.